top of page

Stangata per Fernando Alonso: brake testing su George Russell e penalità dopo il GP d’Australia

Per la FIA lo spagnolo ha causato l'incidente del pilota della Mercedes.



Arriva una stangata per Fernando Alonso. Il pilota dell’Aston Martin è stato penalizzato con 20 secondi da scontare sul risultato di gara per aver fatto un brake testing nei confronti di George Russell, causandogli di fatto l’incidente nel corso dell’ultimo giro del Gran Premio d’Australia. Le immagini hanno evidenziato come il due volte campione del mondo abbia frenato prima del previsto nel tentativo di difendersi dalla Mercedes, e questo ha poi, di riflesso, mandato a muro l’inglese. Per la FIA questa situazione è stata ritenuta inaccettabile, e per questo motivo dunque la penalità che relega Alonso dalla sesta all’ottava posizione, favorendo la risalita di Stroll e Tsunoda.



PENALITA’ ALONSO: BRAKE TESTING SU RUSSELL

Gli steward hanno ascoltato George Russell, Fernando Alonso e i rappresentanti dei team, e hanno esaminato i dati del sistema di posizionamento/smistamento, video, telemetria, radio dei team, prove video in vettura e telemetria fornita da entrambe le squadre. La vettura 63 (Russell) si è schiantata all’uscita della curva 6 al giro 57. Gli steward hanno analizzato approfonditamente la situazione verificatasi prima dell’incidente. L’inglese seguiva la vettura 14 (Alonso) con circa 0,5 secondi di ritardo, mentre le macchine si avvicinavano alla curva 6. Alonso ha spiegato agli steward che intendeva avvicinarsi alla curva 6 in modo diverso, frenando prima e con meno velocità in curva per ottenere un’uscita migliore. Russell invece ha spiegato agli steward che, dal suo punto di vista, la manovra di Alonso è stata irregolare, lo ha colto di sorpresa e lo ha costretto a frenare in in modo insolitamente veloce, e con il conseguente carico aerodinamico inferiore all’apice della curva, ha perso il controllo ed è uscito di pista. Non c’è stato nessun contatto tra le auto.



La telemetria mostra che Alonso ha frenato poco più di 100 metri prima di quanto avesse mai fatto in quella curva durante la gara. Ha anche frenato leggermente in un punto in cui di solito non frenava (anche se la quantità di freno era così leggera che non era il motivo principale del rallentamento della sua macchina) e ha scalato la marcia in un punto in cui di solito non ha mai scalato. Quindi ha cambiato marcia di nuovo e ha accelerato fino alla curva prima di alzare il piede di nuovo per fare la curva. Alonso ha spiegato che, sebbene il suo piano fosse quello di rallentare prima, ha sbagliato leggermente e ha dovuto dare ulteriori colpi all’acceleratore per tornare al passo. Ciononostante questa manovra ha creato una notevole ed insolita velocità di avvicinamento tra le vetture.



Nell’esaminare la questione, gli steward si sono concentrati esclusivamente sulla formulazione del regolamento che recita: “In nessun momento un’auto può essere guidata lentamente in modo inutile, in modo irregolare o in unmodo che potrebbe essere ritenuto potenzialmente pericoloso per gli altri conducenti o per qualsiasi altra persona” (Articolo 33.4). Nello specifico, in questo caso, gli steward non hanno considerato le conseguenze dell’incidente. Inoltre, gli steward hanno ritenuto di non avere informazioni sufficienti per determinare se la manovra di Alonso fosse intesa a causare problemi a Russell o se, come ha dichiarato agli steward, stesse semplicemente cercando di ottenere un’uscita migliore dalla curva.



Alonso dovrebbe avere il diritto di provare un approccio diverso in curva? – SÌ. Alonso dovrebbe essere responsabile dell’aria sporca che alla fine ha causato l’incidente? – NO.Tuttavia, ha scelto di fare qualcosa, con qualunque intento, che fosse inedito, ovvero alzare il piede, frenare, scalare marcia e tutti gli altri elementi della manovra oltre 100 metri prima rispetto al solito, e molto più di quanto fosse necessario semplicemente rallentare prima per la curva? ? – Sì, secondo il suo resoconto dell’incidente che ha commesso, e secondo l’opinione degli steward, facendo queste cose, ha guidato in un modo che era almeno “potenzialmente pericoloso” data la natura ad altissima velocità di quel punto della pista . In questa stagione, le linee guida sulle penalità della FIA Formula 1, inclusa questa violazione, sono state riscritte e aumentate al valore base di una penalità di 10 secondi. Inoltre, quando si verifica una circostanza aggravante, consideriamo una penalità Drive Through. In questo caso riteniamo che la scelta di Alonso di eseguire una manovra insolita a questo punto sia un’aggravante e non un semplice errore. Gli steward ordinano quindi una penalità Drive Through, che verrà convertita in 20 secondi aggiunti al tempo trascorso della vettura 14, insieme a tre punti di penalità sulla patente.

3 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page